In che modo la pornografia influisce sul cervello: capire il cablaggio del cervello

Use BlockerX for free and get out of porn addiction.

Table of Contents

Come la pornografia influisce sul cervello

Nell’ultimo decennio il consumo di pornografia è aumentato in modo esponenziale, anche oltre ciò che la gente potrebbe immaginare. Gli studi hanno ripetutamente mostrato dati in costante aumento. Negli Stati Uniti, secondo gli studi, circa 40 milioni di persone visitano siti web con contenuti sessualmente espliciti; ogni terzo download è correlato a contenuti porno.

Uno studio condotto da un’università coreana su adolescenti 45,783 ha rilevato che il 4% del campione utilizza frequentemente la pornografia su Internet. Uno studio del 2015 chiamato Documentazione dell’uso della pornografia in America: un’analisi comparativa degli approcci metodologici rivela che circa il 46% degli uomini di età compresa tra 18 e 39 anni si dedica intenzionalmente alla pornografia in una settimana, la percentuale di donne rilevate per lo stesso era del 16%.

I risultati sono stati aumentati durante la pandemia, quando le persone si dedicavano principalmente al porno. Quando le persone non avevano molto da fare, si abbandonavano alla pornografia. Naturalmente, Internet è stato facilmente disponibile e mancano modi produttivi per utilizzare il tempo. L’India ha riportato un aumento dei casi di consumo di pornografia del 95%, un rapporto di Indian Today. (https://www.indiatoday.in/news-analysis/story/pornography-gets-a-pandemic-boost-india-reports-95-per-cent-rise-in-viewing-1665940-2020-04-11 )

Gli studi relativi all’impatto del porno sul cervello spesso dicono che sì, c’è un impatto negativo nel guardare il porno. Sebbene molti rapporti e studi menzionino gli svantaggi della visione della pornografia, ma ciò che accade effettivamente e il modo in cui la struttura e il funzionamento del cervello rispondono o vengono influenzati dalla pornografia non sono ben illustrati.

A parte i diversi effetti fisiologici e anatomici negativi della visione di video porno sul cervello, ciò che sconvolge maggiormente è il “sistema di frenatura” del cervello (Dipendenza dalla pornografia: una prospettiva di neuroscienza, Donald L. Hilton, Jr e Clark Watts) (https ://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3050060/); significa la perdita della capacità di autocontrollo di un individuo.

Esistono ricerche limitate in questo campo per capire l’impatto dannoso del porno sul cervello. In effetti, poiché la dipendenza clinica dal porno non è ancora riconosciuta come un disturbo comportamentale o mentale, rimangono molte scappatoie. Ma l’incidenza della dipendenza dal porno sta aumentando e sta diventando una seria preoccupazione.

Ricerca limitata in questo campo, insieme al modello clinico inadeguato per spiegare la dipendenza dal porno, molti ricercatori, neurologi e neuroscienziati prendono attivamente riferimento da dipendenze di altri tipi: sostanza, dipendenza comportamentale. Dopo che Internet Gaming Disorder ha trovato un posto nel DSM-5, i ricercatori sono in grado di comprendere la dipendenza dal porno in linee simili, poiché il legame comune tra i due è “dipendenza comportamentale”.

I neuroscienziati stanno più cercando di capire l’impatto strutturale e funzionale a lungo termine che la pornografia ha sul cervello, sulla linea di altre forme di dipendenza, sebbene nella dipendenza dal porno nessuna sostanza venga ingerita fisicamente nel corpo. Ma l’impatto è lo stesso di quanto si pensasse in precedenza.

L’impatto neurologico della dipendenza, in tutte le sue varietà, funziona universalmente su

  1. Le sostanze chimiche del cervello responsabili del sistema di ricompensa
  2. Degradazione dei tessuti cerebrali nelle aree prefrontali del cervello

Pertanto, questi due concetti principali sono anche essenziali per comprendere l’impatto negativo della pornografia sul cervello. Il primo è il cervello: il sistema di ricompensa e l’altro è l’erosione della corteccia prefrontale, tra molti altri effetti collaterali della visione di video porno.

In che modo la pornografia influisce sul cervello

Abbiamo un percorso di ricompensa nel cervello, chiamato percorso mesolimbico. Questo percorso di ricompensa ha il gruppo di neuroni che rilasciano dopamina, quindi chiamati neuroni dopaminergici. Il rilascio di dopamina facilita l’esperienza gratificante ed è anche correlato all’esperienza del piacere. Il piacere provato nelle attività sessuali e nella masturbazione è dovuto al rilascio di dopamina.

È interessante notare che il nostro cervello ha la tendenza a continuare a cercare il piacere e se il cervello sperimenta quel piacere a causa di un comportamento, allora il cervello è cablato in modo tale da desiderare quel comportamento invece di una ricompensa naturale.

La cosa unica della funzionalità della dopamina è tale che i neuroni della dopamina iniziano a eccitarsi in attesa del piacere. Ad esempio, se un individuo sta anticipando un’esperienza di piacere, i neuroni della dopamina entrano in azione e il livello di dopamina aumenta nel percorso. Questa stessa idea spiega il concetto di brama.

In altre parole, l’abuso regolare di un comportamento di dipendenza fa desiderare all’individuo di sperimentare ancora e ancora lo stesso evento piacevole e gratificante. È il funzionamento della dopamina responsabile di questo meccanismo.

Il cablaggio fisso del cervello è tale che ha la tendenza a tornare a quella piacevole esperienza innescata da una sostanza o da un comportamento. Una volta che il cervello sperimenta il grilletto, il cervello astinente desidera ardentemente di rivivere di nuovo il piacere. Uno studio (Garavan et.al 2000) ha affermato che il cervello cerca facilmente ricompense dannose, che si tratti di una sostanza comportamentale o di una sostanza fisica.

Qualsiasi tipo di dipendenza ha un impatto negativo su quella parte del cervello responsabile dell’autocontrollo. L’autocontrollo è principalmente operato dalla corteccia prefrontale e il degrado o l’erosione della corteccia prefrontale è l’altro concetto da enfatizzare quando si parla degli effetti collaterali della pornografia sul funzionamento del cervello.

La relazione tra la visione del porno e il degrado prefrontale è bidirezionale. L’eccessiva indulgenza verso i video pornografici porta al deterioramento della materia grigia prefrontale causando la perdita dell’autocontrollo; e un autocontrollo alterato significherebbe non avere alcun senso per controllarsi guardando il porno. Questo è il triste cablaggio del cervello!

La sindrome ipofrontale associata a pazienti con dipendenza di qualsiasi forma si traduce in difficoltà marcate come compulsività, disregolazione emotiva, impulsività e capacità di giudizio alterata. Difficoltà simili si trovano anche tra i tossicodipendenti, seguendo la stessa relazione bidirezionale o circolo vizioso menzionato.

La degradazione dei tessuti prefrontali del cervello umano a causa della visione del porno comporta anche una compromissione del processo decisionale, del ragionamento e dell’host di altri funzionamenti di ordine superiore.

Come alleno il mio cervello o come canalizzare l’attività dopaminergica?

Di solito, come psicologo clinico praticante, i clienti di solito mi fanno questa domanda comune. Come faccio a smettere di guardare il porno? Ho qualche controllo sulla visione del porno? Posso controllare il mio cervello per non desiderare ardentemente il porno?

La risposta a queste varie domande è semplice ma comporta grandi sforzi; ma questi sforzi sono fattibili con un po’ di pratica e adattabilità positiva.

Il punto cruciale è capire il meccanismo. Dice che lo stesso meccanismo di dipendenza è utile nella de-dipendenza, solo che abbiamo bisogno di sostituti più positivi e adattivi per i comportamenti piacevoli.

Allena il cervello

Il motivo alla base della dipendenza dal porno per provare piacere deve essere sostituito positivamente con un motivo più adattivo per provare un piacere simile. Sì, è difficile ma molto possibile.

Il passo più importante per iniziare ad allenare il cervello è fissare un obiettivo. L’utilizzo del processo di ripristino dell’app BlockerX diventa più semplice con un efficace sistema di impostazione degli obiettivi. Questa fase della definizione degli obiettivi è direttamente collegata all’astinenza. La chiave per il recupero dalla dipendenza dal porno è l’astinenza, solo che dobbiamo navigare bene nel processo di astinenza con forza e positività.

Il processo di recupero è duro e molto stressante, non c’è dubbio. Ma diventa più facile con l’aiuto professionale di un terapeuta. Con l’aiuto di un paio di sessioni individuali con il terapeuta, diventa più facile e l’individuo è in grado di affrontare meglio il processo di recupero.

La prossima cosa importante da fare è pianificare la tua giornata in anticipo e fare un elenco di cose che ti entusiasmano davvero. Può essere un hobby o qualcosa che ami fare e ne sei appassionato. Un sacco di volte i tossicodipendenti riferiscono di aver perso interesse nel fare cose che amavano fare prima. Ma questo è il “forte sforzo” che devi fare. Potresti sentirti un po’ letargico all’inizio, ma man mano che stabilisci il ritmo, starai sicuramente bene con il passare dei giorni.

Una volta che potresti aver pianificato la tua attività, potresti chiederti come posso svolgere questo compito più a lungo. Gli individui che si abbandonano a comportamenti problematici di consumo di materiale pornografico spesso riferiscono di avere difficoltà a concentrarsi; non sono in grado di prestare attenzione e concentrarsi. Quindi, cronometrati per brevi intervalli e suddividi l’attività in parti più piccole, ad esempio facendo l’attività per 10 minuti, quindi prenditi una pausa e torna di nuovo. Nella fase iniziale del superamento della dipendenza dal porno, pianifica le attività per un massimo di mezz’ora al giorno (interrompendolo in un intervallo di attività di 10 minuti e pause frequenti)

Questo meccanismo di impegnarsi gradualmente in attività più produttive diventerà più gratificante e quindi la secrezione di dopamina si verificherà quando sei impegnato in attività che ami e ti piace fare. Quindi, sarà stabilito un nuovo percorso di ricompensa; ora sostituito con un compito più produttivo e adattivo che sostituirà il comportamento problematico di osservazione del porno disadattivo.

L’idea è di rimanere impegnati in attività produttive, perché la tendenza del cervello umano è tale che la mancanza di produttività porterà a un facile scivolamento in stili di vita disadattivi. Come dice “una mente vuota è l’officina del diavolo”.

Priyanka Bhattacharjee is a licensed and practicing Clinical Psychologist based in India, who has been working very closely with variety of mental health issues of across different age group for the past 7 years. Working for the cause of mental health is her passion, and primarily advocates in primary prevention and early intervention. Her professional interest areas include diagnosis and therapy for Addiction, Personality Disorders, Mood and Affective Disorders, Children and Adolescents Mental Health, Couple Intervention, Workplace Mental Health issues.

Facebook
Twitter
Tumblr
Pinterest
Reddit
More to explorer